Aree tematiche
News generica
Evento live
Curiosità
Info Utili
Viaggi Birrari
FIDELITY CARD
Visualizza tutte

 

 

26-10-2010
MONACO di BAVIERA...

Alla scoperta di Monaco di Baviera

 

Con 1,3 milioni di abitanti, Monaco è il capoluogo della Baviera. E' una città dalle mille facce, conservatrice e austera,

moderna e cosmopolita. E' nota come la "Weltstadt mit Herz" (la metropoli con il cuore) e la "città più settentrionale d'Italia".

Monaco è un importante centro turistico e congressuale, ospita prestigiosi musei e galleria d'arte ed è un florido

distretto economico (BMW, Siemens, Munich Re...), a settembre è visitata da 6 milioni di persone in occasione dell'Oktoberfest.

 

Monaco, la capitale della Baviera

Come la Baviera, anche Monaco è una realtà dalle mille facce, apparentemente molto distanti tra loro, a volte inconciliabili,

eppure capaci di creare una speciale atmosfera che avvolge la città, rendendola affascinante agli occhi dei monacensi e dei turisti.

 

A testimonianza di ciò, basta ricordare che in testa alle città preferite dai tedeschi c'è ormai da diversi anni proprio Monaco,

situata a centinaia di km dall'amata-odiata Berlino e nel profondo sud della Germania, la "seconda capitale" del paese, la Milano tedesca,

la Weltstadt mit Herz (metropoli con il cuore) o, secondo una felice definizione, la città più settentrionale d'Italia.

 

Oggi, con 1,3 milioni di abitanti, è la terza città tedesca, dopo Berlino e Amburgo, è un importante centro turistico e congressuale

e ospita prestigiosi musei: basti citare il Deutsches Museum, il più grande museo della scienza e della tecnica al mondo, e la Pinakothek

der Moderne, la più prestigiosa collezione d'arte moderna e contemporanea della Germania.

 

Ma il motore economico non è solo il settore della cultura: qui hanno sede la Siemens, le assicurazioni Allianz, la Munich Re,

l'Ufficio Brevetti dell'Unione Europea, la BMW, gli studi televisivi-cinematografici della Bavaria Film e qui si trova il maggior numero

di case editrici al mondo dopo New York.

 

E' una città molto curata, ordinata, per tutti i gusti e per tutte le tasche: grandi alberghi e piccole pensioni a gestione famigliare,

eleganti signore che fanno shopping nella Maximilianstraße e giovani che prendono il sole nudi nei centralissimi Englischer Garten o al

Feringasee, una ricca stagione teatrale e concertistica ed un'altrettanto fitto calendario di concerti pop e rock... qui si mescolano insieme

tradizione e modernità, attaccamento alla propria secolare storia ma anche un attento sguardo rivolto al futuro.

 

Cosa aggiungere? Venite a visitare Monaco di Baviera e tornerete a casa sicuramente soddisfatti!

 

VISITARE Monaco

 

Monaco offre al visitatore una grande quantità di attrazioni: passeggiando nel centro storico non si possono perdere

il palazzo reale della Residenz, Marienplatz con il celeberrimo carillon, l'imponente Frauenkirche e l'allegria ed i colori del

Viktualienmarkt. Ma questo è solo un assaggio: ci sono infatti famosi palazzi, chiese e musei che meritano una visita come

il castello di Nymphenburg, le tre Pinacoteche, il Deutsches Museum, i Giardini Inglesi, l'Olympiapark, la Allianz-Arena,

il campo di concentramento di Dachau...

 

Il centro storico di Monaco di Baviera

 

 

Marienplatz, il cuore di Monaco

Marienplatz (piazza di Maria) è il vero e proprio centro di Monaco, uno dei luoghi più amati dai monacensi e dai turisti:

è il salotto della città, un luogo dove ci si da appuntamento, dove si sorseggia una birra, si fa shopping - svariati i negozi

di abbigliamento e souvenir - e si cammina in relax dal momento che la piazza è inglobata nella grande area pedonale che

caratterizza il centro storico.

Nel medioevo qui si svolgeva il mercato del grano e del sale e ancora oggi, anche se solo per un mese, se ne svolge ancora

uno, il Christkindlmarkt (mercatino natalizio), da fine novembre al 24 dicembre: l'atmosfera è veramente magica con

il grande pino illuminato da luci bianche, i banchi che vendono addobbi, prodotti tipici dell'artigianato e della gastronomia

locale e le più antiche melodie natalizie che risuonano ogni giorno alle 17.30.

La piazza è dominata dal Neue Rathaus (Nuovo Municipio), imponente edificio neogotico sede degli uffici del sindaco e

dell'amministrazione comunale. Costruito tra il 1867 e il 1908 dall'architetto Georg Hauberisser, all'interno presenta una complessa

e articolata struttura caratterizzata da sei cortili. In visita a Monaco nel 1906, l'imperatore Guglielmo II lo definì "il più bel municipio del paese".

Un'alta torre (81 metri) domina la facciata principale e cattura l'attenzione dei turisti perchè ospita il celebre Glockenspiel

(letteralmente "gioco di campane"), il più grande carillon della Germania che si aziona tre volte al giorno: alle 11, 12 e,

da marzo a ottobre, anche alle 17. Si compone di due piani: nel piano superiore sono rappresentati i festeggiamenti per il

matrimonio del duca Guglielmo V con la principessa Renate von Lothringen (1568) mentre in quello inferiore viene rievocata

l'antica danza dei bottai che simboleggia il ritorno di Monaco alla consueta normalità (e quindi anche alle feste) dopo la fine

della peste che la coinvolse dal 1515 al 1517.


Il carillon si aziona secondo questo cerimoniale: prima partono le campane della torre per annunciare la nuova ora, poi parte l

a melodia del carillon, iniziano a muoversi i personaggi del piano superiore e quando questi tornano alla loro immobilità partono

i danzatori del piano inferiore; a questo punto quasi tutti vanno via ma non è ancora finito lo spettacolo: il gallo dorato posto

alla sommità del carillon sbatte le ali, muove la testa e canta tre volte.

 

Alle ore 21 i piccoli bovindi situati ai lati del carillon si illuminano, appare una sentinella notturna che suona il corno ed un angelo

che benedice il Münchner Kindl (il monachello) al suono di una breve ninnananna. A Monaco si dice che il monachello viene

portato a letto, augurando così la buona notte alla città.

 

In mezzo alla piazza si erge la Mariensäule: una colonna di marmo, abbellita alla base da quattro putti seicenteschi,

sorregge la statua in bronzo dorato della Vergine Maria, patrona della Baviera, eretta nel 1638 dal principe elettore

Maximillian I come ringraziamento per la liberazione della città dagli Svedesi durante la guerra dei Trent'anni.

Da notare l'Alte Rathaus (Vecchio Municipio) realizzato alla fine del '400 dall'architetto Jörg von Halsbach - che negli stessi

anni diresse il cantiere della Frauenkirche - e parzialmente ricostruito dopo essere stato seriamente danneggiato dai bombardamenti

della seconda guerra mondiale ed infine l'ottocentesca Fischbrunnen (fontana del pesce). Ogni anno, il mercoledì delle ceneri,

 è tradizione degli abitanti sciacquare il portafoglio nella fontana. Si dice porti bene... provare per credere!

 

Parchi e altre attrazioni di Monaco

 

 

Una passeggiata agli Englischer Garten

L'Englischer Garten di Monaco - il Giardino Inglese - è il polmone verde della città, una enorme distesa naturale che dal centro

si estende fino in periferia. Con un'ampiezza di 3,7 km² è uno dei parchi cittadini più grandi del mondo assieme a Central Park

di New York e al londinese Hyde Park.

Il progetto fu realizzato su commissione del principe elettore Karl Theodor nel 1789 dall'ufficiale americano Benjamin Thompson (1753-1814)

- poi insignito del titolo di Conte von Rumford per aver ricoperto il ruolo di Ministro della guerra e per essere stato promotore

di importanti riforme sociali - mentre la direzione effettiva dei lavori fu affidata all'architetto Ludwig von Sckell.

 

Inizialmente usato come giardino per i militari, all'inizio dell'Ottocento diventa il primo parco pubblico della Germania, con ampi spazi

verdi alternati a ruscelli e laghetti che lo hanno consacrato come il più amato e frequentato parco del capoluogo bavarese.

 

D'estate gli abitanti della città e i turisti passeggiano, prendono il sole vestiti e nudi: la zona iniziale, quella vicina al centro storico

e intorno al piccolo ruscello, è dedicata ai nudisti. Si fa anche il bagno, l'acqua è pulita ma, a meno che non andiate in piena estate,

è abbastanza fredda oppure un giro in bicicletta; spesso si vedono dei surfisti nella piccola cascata sulla Prinzregentenstraße

(quasi all'angolo con la Lerchenfeldstraße). D'inverno invece si passeggia tra la neve e si fa un po' di pattinaggio sul ghiaccio.

 

Da vedere la Chinesischer Turm (torre cinese), che ospita una grande birreria-ristorante, il Monopteros, un tempietto in

stile greco realizzato dall'architetto prediletto di Ludwig I Leo von Klenze e dal quale si gode un'ottima vista sul centro di

Monaco, e infine la piccola Japanische Teehaus (casa del te giapponese), donata alla città dal governo di Tokyo in occasione

delle Olimpiadi del '72, che accoglie i visitatori all'entrata del parco.

 

 

 

 

RAF.PUB s.a.s. di Antonio Raffone & C. - P.IVA 01507590709 2010 all right reserved  - Privacy Policy -  tecnical contact & web agency MEDIATARGET.IT